Coronavirus, “mio figlio l’ha superato grazie al plasma di altri guariti”

Ha superato il Codiv-19 grazie alle infusioni di plasma iperimmune prelevato da altri pazienti già guariti. Diego Tarchini, architetto 43enne mantovano, oggi può dirlo visto che il suo tampone è negativo, anche se rimane in convalescenza perché uno dei suoi polmoni è stato duramente attaccato dal virus e sta affrontando un lungo percorso di riabilitazione respiratoria. Ma il peggio è passato, grazie al metodo terapeutico applicato all’ospedale Carlo Poma di Mantova che ha aderito al protocollo di cura con capofila il Policlinico San Matteo di Pavia. Il plasma dei pazienti guariti dal Covid, infatti, è ricco di anticorpi specifici che – stando ai primi risultati – aiutano i pazienti ancora malati a combattere il virus.

“Stava molto male – parla la madre – quindi, sapendo che l’ospedale di Mantova ha aderito al protocollo di cura con le trasfusioni di sangue iperimmune prelevato da pazienti guariti dal Covid, chiedo ai medici che mio figlio venga inserito in questo percorso terapeutico, assumendomene, con mio marito, tutte le responsabilità”. Diego inizia le terapie trasfusionali il 5 aprile, domenica, e il martedì, racconta sempre la madre, la febbre era sparita. “Inizia a stare sempre meglio – continua – fino a quando l’esito del tampone è diventato negativo. Ora è in convalescenza e ha bisogno di riabilitazione respiratoria, perché il coronavirus gli ha aggredito violentemente un polmone, ma migliora e anche il tampone eseguito venerdì è risultato negativo.”

Leave a comment