Coronavirus, distributori di mascherine

Punti di distribuzione e vendita delle mascherine vicini ai luoghi di bigliettazione elettronica del trasporto pubblico locale. E’ l’ipotesi alla quale sta lavorando la ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli che ha dichiarato in una trasmissione televisiva: “Stiamo provando a capire, soprattutto per le aziende più grandi di trasporto pubblico locale, se si possono immaginare dei punti di distribuzione e vendita delle mascherine vicine ai luoghi di bigliettazione elettronica. E’ un’ipotesi di lavoro per aiutare il più possibile le persone”. Senza mascherina sui mezzi pubblici “ci sarebbe l’obbligo di lasciare il passeggero a terra” ha aggiunto ricordando che “queste situazioni si sono già avute per altri mezzi di trasporto in passato, perché questo tipo di obbligo lo abbiamo introdotto per le compagnie aeree già da marzo. Ma sono sicura che dopo questo periodo di Covid tutti si metteranno” la mascherina.

L’ACCORDO SUL PREZZO DELLE MASCHERINE – Il Commissario straordinario Domenico Arcuri ha trovato un accordo con l’Ordine dei farmacisti, Federfarma e Assofarm riguardo alla cifra indicata dal governo per la vendita delle mascherine anticipata dal premier Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa di domenica sera. Il premier aveva auspicato la possibilità che venissero vendute a 50 centesimi cadauna per evitare speculazioni.

Leave a comment